Trentino, appello dei Vignaioli a Regione e Consorzio Vini: “Ridurre rese del 20-30%”

Lorenzo Cesconi: “Evitare l’eccesso di offerta della vendemmia 2020”

Ridurre oggi le rese dei vini Doc e Igt del 20-30%, per non svenderli domani, quando l’emergenza Covid-19 sarà solo un brutto ricordo (ma si continuerà a pagarne le conseguenze). Questo lo spirito della richiesta inoltrata oggi dai Vignaioli del Trentino all’Assessore all’Agricoltura Giulia Zanotelli e al presidente del Consorzio Vini del Trentino Pietro Patton. Una proposta che va ben oltre l’emergenza Coronavirus. A chiarirlo è Lorenzo Cesconi, presidente del Consorzio Vignaioli del Trentino.

Riteniamo che questo frangente possa rappresentare l’occasione per lavorare assieme ad un coraggioso rilancio del nostro settore, avviando un nuovo percorso di dialogo e confronto tra le categorie e tra queste e le Istituzioni, per mettere in campo politiche strutturali e di sistema come un provvedimento d’urgenza finalizzato alla riduzione della resa massima di uva a ettaro e della relativa resa di trasformazione in vino”.

“Lo scopo – continua Cesconi – è di di conseguire un migliore equilibrio di mercato. Certi che la funzione di tutela delle denominazioni passi anche dalla tutela del livello dei prezzi, a nostro avviso già troppo bassi in Trentino, la proposta che avanziamo è quella di prevedere sia per le Doc che per le Igt un taglio orizzontale tra il 20% e il 30% delle rese, al contempo vietando la produzione di superi”.

“Il rischio concreto – scrive ancora Lorenzo Cesconi – è che un eccesso di offerta sulla domanda e contemporaneamente una prolungata stagnazione della domanda, connessa anche al regime ridotto cui sarà costretto il canale Horeca, possa portare ad un’ulteriore riduzione dei prezzi, tanto delle uve quanto del vino trentino”.

Per questo, sempre secondo i Vignaioli trentini, le giacenze di prodotto e, più in generale, la tutela delle denominazioni dovrebbero essere al centro dell’agenda della politica del vino, “prima della vendemmia 2020“.

“Problemi, questi – conclude Cesconi – che andranno ad aggiungersi al calo dei consumi legati alla chiusura di bar e ristoranti, agli impedimenti nel reclutamento della manodopera e alle difficoltà finanziarie delle aziende”.

La proposta di riduzione delle rese avanzate oggi dai Vignaioli del Trentino trova conformità con quella di Coldiretti. Nel “piano salva vigneti” presentato alla ministra Teresa Bellanova, l’associazione che tutela gli agricoltori italiani avanza l’ipotesi di una “vendemmia verde su almeno 30 mila ettari, per una riduzione di almeno altri 3 milioni di ettolitri della produzione sui vini di qualità”.

In questo modo, secondo Coldiretti “si eviterebbe l’eccesso di offerta, a fronte delle conseguenze della pandemia sui consumi internazionali per effetto delle difficoltà logistiche, della disinformazione, strumentalizzazione e concorrenza sleale con la campagna denigratoria sui prodotti italiani“.

Dello stesso autore

Sostieni WineMag.it

Sostieni winemag, voce libera e indipendente della cronaca enogastronomica italiana

Altri articoli dalla stessa categoria