Alta Langa Docg Brut 2013, Ettore Germano

Metodo classico base Pinot Nero e Chardonnay

(4 / 5) Sotto la lente di ingrandimento di WineMag, uno spumante Metodo Classico piemontese: l’Alta Langa Docg Brut 2013 di Ettore Germano.

LA DEGUSTAZIONE
Nel calice (80% Pinot Nero 20% Chardonnay) il vino presenta un colore giallo paglierino intenso. Il perlage risulta fine e persistente.

Al naso la prima impronta è quella del lievito, seguita da frutta secca, nocciole, una leggera nota di tostatura, sentori floreali di biancospino, camomilla e un’impronta minerale.

L’ingresso in bocca è corpulento ma equilibrato e giocato su una vena fruttata tendente al maturo. Una sensazione di pienezza e avvolgenza rinvigorita dalla cremosità del perlage. Ritorni sapidi prima della chiusura, di sufficiente persistenza aromatica.

Il consiglio è quello di consumare l’Alta Langa di Ettore Germano a una temperatura di servizio pari o di poco superiore ai 6 gradi. Accompagnandolo con pasta fresca ripiena di pesce, o abbinandolo ad un aperitivo non banale.

LA VINIFICAZIONE
Come indicato dallo stesso produttore, l’uva arriva in cantina in cassette. Viene introdotta intera nella pressa, per l’estrazione e selezione del primo mosto fiore. La fermentazione avviene a temperatura controllata.

Lo Chardonnay matura in piccole botti di legno, mentre per il Pinot nero in vasche di acciaio, con batonnage piuttosto frequenti. Ad aprile si effettua il tiraggio, con aggiunta di lieviti selezionati.

La seconda fermentazione in bottiglia dura circa 4-6 mesi, poi il vino rimane sui lieviti per almeno altri venti mesi. In seguito alla sboccatura si ricolmano le bottiglie con solo vino spumante, senza aggiunta di liqueur. Dopo 3-4 mesi lo spumante inizia ad essere commercializzato.

LA CANTINA
La storia della famiglia Germano nelle Langhe affonda le radici nel 1856, nel comune di Serralunga d’Alba. Nel 1985 Sergio, figlio di Ettore, inizia a imbottigliare una parte del vino, che viene venduta ad amici e ai primi clienti privati della cantina in fase di sviluppo.

Anche grazie ai proventi delle vendite, Sergio Germano inizia ad acquistare vigneti attorno alla proprietà di famiglia. Dal 1993 inizia a vinificare e imbottigliare sul posto, a Serralunga d’Alba. Nel 1995 acquista un vigneto a Cigliè, in Alta Langa, che lo renderà noto per la produzione del Riesling “Hérzu”.

Dello stesso autore

    Altri articoli dalla stessa categoria

    Leave a Comment