Five Roses Leone De Castris: 75 anni e non sentirli

Grande festa a Salice Salentino con la degustazione condotta da Riccardo Cotarella

SALICE SALENTINO – Venerdì 1 febbraio la famiglia Leone de Castris ha festeggiato il 75° anniversario di Five Roses. Un vino senza tempo, che ha elevato il Salento a ‘terra di rosato’ e che ha aperto la strada alla nobilitazione della Puglia enologica. Il primo rosé ad essere stato imbottigliato in Italia.

La serata di festeggiamenti si è aperta con la presentazione del nuovo enologo di famiglia, Matteo Esposito. Al consulente di sempre, Riccardo Cotarella, la conduzione della degustazione di cinque vini di casa Leone De Castris. Oltre alla nuova annata 2018 del Five Roses 75° Anniversario, è stata degustata una rarissima verticale del Metodo Classico rosato da uve Negroamaro.

Gli ospiti hanno potuto assaggiare la verticale di Five Roses Metodo classico 2015 e di Five Roses Anniversario Metodo Classico 2013 e 2010 che ha esaltato la diversa e interessante permanenza sui lieviti per 30, 48 e a seguire 72 mesi (quest’ultimo in formato magnum).

Festa per il palato anche grazie al raffinato buffet del Ristorante Milo del Wine Hotel Villa Donna Lisa di ‘casa’ Leone de Castris, messo a punto per l’occasione dal talentuoso chef Antonio Serravezza. Il tutto allietato dalla voce di Carla Petrachi, che si è esibita in un duo di eccezionale bravura.

Dello stesso autore

Altri articoli dalla stessa categoria

Leave a Comment