Waterford Arcadian Biodynamic Luna 1.1

Il primo Whiskey biodinamico al mondo da orzo coltivato secondo l’arcaica tradizione dei cicli lunari

Waterford Arcadian Biodynamic Luna 1.1

L’irlandese Waterford Distillery aggiunge un nuovo tassello alla sua ricerca sul terroir nel whiskey. Waterford Arcadian Biodynamic Luna 1.1 è il primo whiskey al mondo prodotto da orzo coltivato in modo rigorosamente biodinamico.

LA DEGUSTAZIONE

Oro brillante, invitante già allo sguardo. Al naso arrivano immediati i sentori dell’orzo. Un misto di fieno ed erba tagliata, non coperti dal legno, che rimanda immediatamente alla materia prima. Seguono numerose note fruttate che spaziano dall’albicocca alla prugna, dalla pesca ai piccoli frutti rossi, finanche alla banana e ad una leggera vena agrumata.

Al palato è caldo e pieno. Il corpo leggermente oleoso mitiga la piccantezza speziata. Pepe bianco, zenzero e cacao che bilanciano le note dolci e fruttate già sentite al naso. Leggero tocco di vaniglia e pastafrolla. Finale lungo dove tornano le note erbacee di fieno accompagnate da un sentore di foglie di te.

ARCADIAN BIODYNAMIC LUNA 1.1

L’orzo, rigorosamente organico e della sola cultivar “Olympus”, utilizzato per produrre Arcadian Biodynamic Luna 1.1 è stato coltivato in 3 diverse fattorie irlandesi, quelle di Trevor Harris, John Mcdonnell e Alan Mooney. La filosofia produttiva segue i dettami dell’agricoltura biodinamica e segue la tradizione arcaica dei cicli lunari. La fermentazione è lenta, ben 194 ore, con l’utilizzo di lieviti indigeni.

La doppia distillazione è avvenuta fra il 7 e il 12 marzo 2018. Arcadian Biodynamic Luna 1.1ha riposato per 3 anni, 2 mesi e 1 giorno per il 35% in botti di rovere americano first fill ex-bourbon, per il 26% in rovere francese, per il 22% in ex-vino francese Vin Doux Naturel e per il 17% in botti di rovere americano vergini. Le 21.000 bottiglie, a 50% abv, sono state confezionate nel 2021 senza filtrazione a freddo e senza aggiunta di coloranti.

® Riproduzione riservata

sostieni winemag.it

Siamo una testata indipendente gratuita, ma il nostro lavoro ha un costo che la pubblicità fatica a ripagare.
Se credi nell'informazione libera e in un nuovo modo di raccontare il vino italiano, sostienici con un euro al mese.

Dello stesso autore

Altri articoli dalla stessa categoria