Anche il Sagrantino per “The Definitive Italian Wine Tasting” 18ma edizione

Definitive-italian-wine-tastingSi terrà il 28 giugno a Londra, presso la Lindley Hall della Royal Horticultural Halls, dalle 11.00 alle 18.00 la diciottesima edizione di “The Definitive Italian Wine Tasting”, uno degli appuntamenti più attesi d’oltremanica riservato a stampa ed operatori di settore. Nato nel 1999, per sopperire alla carenza di un interlocutore tra i due mercati, l’evento è passato dall’ ospitare 51 espositori a ben 88 del 2011, rappresentanto a tutt’oggi l’unica occasione di incontro tra produttori, Consorzi  ed importatori. Tra le novità di questa edizione previsti tavoli di approfondimento su alcune denominazioni. In particolare il focus sarà su regioni quali Alto Adige , Friuli , Puglia e Veneto . In calendario anche due masterclass con Water Speller esperto di lunga data di vini italiani che vanta un  curriculum da sommelier, buyer , consulente e giornalista. La prima masterclass “Dentro il Chianti Classico – la diversità dei suoi territori e stili”‘ alle 11:30. La seconda alle 15:00 su Conegliano Valdobbiadene e il terroir classico di produzione. Il Regno Unito, secondo i dati diffusi da WineMonitor rappresenta il terzo mercato di export italiano, con una quota del 14% dopo Stati Uniti (24%) e Germania (18%). Primo importatore addirittura di spumanti, secondo i dati Coldiretti e complessivamente quarto paese importatore di prodotti agroalimentari. Un mercato ghiotto al quale si affacciano con interesse anche regioni come l’Umbria.Tra i Consorzi presenti infatti, non mancherà l’appuntamento il Consorzio di Tutela Vini Montefalco con una collettiva di 17 cantine aderenti: Antonelli, Benedetti&Grigi, Colle Ciocco, Colle del Saraceno, Di Filippo, Fattoria Colsanto, Il Colle di Saragan, Le Cimate, Tenute Novelli, Perticaia, Scacciadiavoli, Tenuta Alzatura-Cecchi, Tenuta Rocca di Fabbri, Tenute del Cerro, Terre della Custodia, Tudernum, Viticoltori Broccatelli Galli. Montefalco Bianco Doc, Trebbiano Spoletino, Grechetto, Montefalco Rosso Doc e Montefalco Sagrantino Docg le denominazioni che saranno presentate. “La strada intrapresa verso l’internazionalizzazione delle nostre denominazioni sta portando risultati considerevoli, e la Gran Bretagna rappresenta uno di quei bacini di importazione in cui continuare a investire per promuovere l’eccellenza vinicola umbra – ha dichiarato  Amilcare Pambuffetti, Presidente del Consorzio Tutela Vini Montefalco

Dello stesso autore

Altri articoli dalla stessa categoria

Leave a Comment