Il Consorzio Vino Montescudaio Doc punta al rilancio in Toscana

Letizia Martelli, eletta presidente, al lavoro per aumentare gli iscritti

Il Consorzio Vino Montescudaio Doc punta al rilancio in Toscana Letizia Martelli, eletta presidente, al lavoro per aumentare gli iscritti

Letizia Martelli è la nuova presidente del Consorzio Vino Montescudaio Doc. Succede ad Alessia Viviani che adesso ricopre il ruolo di Tesoriera. Confermato vicepresidente Carlo Sanvitale. Gli obiettivi sono ambiziosi. In testa l’aumento del numero di soci del Consorzio, oggi fermo a nove.

«Dobbiamo fare un passo verso la modernità – commenta Letizia Martelli, dell’azienda La Macchia di Montescudaio – pur tenendo ben presente la nostra storia e la nostra tradizione. La priorità che mi sono data è aumentare il numero delle aziende consorziate. Già possiamo annunciare la prima che entra a farne parte: l’azienda Gianni Moscardini di Pomaia. E sto parlando con altre realtà».

Il Consorzio Vino Montescudaio Doc copre i territori dei comuni di Casale Marittimo, Castellina Marittima, Guardistallo, Montecatini Val di Cecina, Montescudaio, Riparbella, Santa Luce.

IL MONTESCUDAIO DOC

«Nuove aziende significa anche nuove idee e contributi – continua la neo eletta presidente – anche per creare nuovi eventi su tutto il territorio, ma soprattutto su Montescudaio. Lo scorso anno è stata inaugurata la Strada del Vino e credo che questa sia la strada giusta, magari coinvolgendo nuove aziende che entreranno a far parte del consorzio».

Il disciplinare del Vino Montescudaio Doc prevede quattro tipologie. Il Rosso comprende i vini da varietà Cabernet Franc, Cabernet Sauvignon, Merlot e Sangiovese (almeno 50%). C’è poi il Bianco, prodotto con Chardonnay, Sauvignon blanc e Vermentino.

La Doc Montescudaio ha anche un vino Rosso riserva, che fa sempre riferimento a vitigni Cabernet, Merlot e Sangiovese. Infine, è prevista anche la tipologia Vin Santo. Per il rilancio, il Consorzio guidato da Letizia Martelli potrà contare anche sull’appoggio dell’Amministrazione comunale di Montescudaio, che ha già confermato tale impegno attraverso la la sindaca Simona Fedeli.

® Riproduzione riservata

sostieni winemag.it

Siamo una testata indipendente gratuita, ma il nostro lavoro ha un costo che la pubblicità fatica a ripagare.
Se credi nell'informazione libera e in un nuovo modo di raccontare il vino italiano, sostienici con un euro al mese.

Dello stesso autore

Altri articoli dalla stessa categoria