Barolo e Moscato contraffatti dai cinesi a Roma

vinofalsogdfAncora una truffa nel mondo del vino. Questa volta a farne le spese un Barolo e un Moscato, contraffatti da alcuni cinesi nella capitale. Durante un controllo della Guardia di Finanza, in un capannone romano, sono state infatti poste sotto sequestro oltre 400 bottiglie tra Barolo e Moscato, sprovviste della retro etichetta, del contrassegno di Stato e di altre informazioni obbligatorie previste in etichetta dalla normativa vigente. Secondo le analisi chimiche effettuate sul contenuto inoltre, sono emerse ulteriori irregolarità, come il contenuto di solforosa ben superiore al limite di legge. Denunciato un quarantenne cinese per introduzione nello Stato e commercio di prodotti falsi, contraffazione di indicazioni geografiche o denominazioni di origine dei prodotti agroalimentari. Il cinese, rischia anche pesanti multe connesse ai valori di anidride solforosa. Non stupisce, da un lato, la contraffazione del Barolo, ma stupisce in parte, quella del Moscato, prodotto in crisi che negli ultimi quattro anni ha registrato un calo di produzione di oltre 25 milioni di bottiglie. evidentemente resta comunque un prodotto di “appeal” da imitare e da contraffare per certi mercati.

Dello stesso autore

Altri articoli dalla stessa categoria

Leave a Comment