”Non accettiamo lezioni da chi rappresenta solo se stesso” la sferzata di Prandini sulla vicenda Terre d’Oltrepò

Non va giù a Coldiretti l’accusa di aver frenato il cambiamento all’interno della cantina ”Terre d’Oltrepò” nota per le frodi che hanno gettato un’onta di sospetto su tutto l’Oltrepò Pavese. ”Non accettiamo lezioni da chi rappresenta solo se stesso”, parole del presidente regionale di Coldiretti, Ettore Prandini. ”Come Coldiretti siamo pronti a chiedere alla Regione una verifica dei requisiti per il riconoscimento all’attività di alcune organizzazioni agricole, che negli ultimi anni hanno perso molti associati rischiando così di non avere più i titoli per la rappresentanza – attacca Prandini -. Fa sorridere che chi non si è mai preoccupato delle sorti della cooperativa pavese, venga ora a pontificare soluzioni definitive senza essersi mai speso in prima persona per il bene del territorio, dei produttori agricoli onesti e delle loro famiglie. Come Coldiretti abbiamo sempre chiesto chiarezza e trasparenza, denunciando anche in passato manovre opache e comportamenti ambigui mentre altri stavano in silenzio”. Prandini è contrario al commissariamento della cantina, il danno economico arrecato alle famiglie degli 800 soci sarebbe disastroso. ”Da quando siamo stati chiamati a entrare nel Cda insieme a Confcooperative, stiamo lavorando ogni giorno per garantire il corretto funzionamento della cantina avendo assicurato il ritiro e il pagamento delle uve, in attesa del cambio dei vertici che abbiamo fortemente voluto fin dall’inizio della vicenda”. Le nuove elezioni del Cda si terranno a fine giugno, prima data utile prevista dalla normativa di legge con l’augurio, da parte di Prandini che da lì si possa partire per ridare la giusta valorizzazione all’Oltrepò.

Dello stesso autore

Altri articoli dalla stessa categoria

Leave a Comment