Consorzio Valpolicella: nasce il primo comitato giovani

Avrà l’obiettivo di affiancare la Governance con una visione dinamica e di prospettiva

 Con la prima convocazione ufficiale presso Villa Brenzoni- Bassani, è nato ufficialmente il 20 luglio scorso il primo comitato giovani del Consorzio Vini Valpolicella. A comporlo, 27 candidati dai curriculum che spaziano dalla sfera enologica, all'ambito internazionale e dell'accoglienza in azienda. Tra loro anche molte quote rosa, un terzo dei partecipanti. «Il gruppo, che diventerà in futuro un organo consultivo della Governance con una modifica dello statuto, ha l'importante obiettivo - spiega Christian Marchesini, presidente del Consorzio - di apportare innovazione in primis, grazie ad una visione dinamica e aperta, ma confidiamo sia anche capace di cooperare insieme al nostro CdA, relativamente a temi caldi per la Doc, come la sostenibilità, la corretta segmentazione dei vini della Valpolicella e la promozione». A coordinare sarà Davide Manara, classe '91, che rappresenterà anche i giovani del Consorzio Vini Valpolicella in Federdoc.

Con la prima convocazione ufficiale presso Villa Brenzoni- Bassani, è nato ufficialmente il 20 luglio scorso il primo comitato giovani del Consorzio Vini Valpolicella. A comporlo, 27 candidati dai curriculum che spaziano dalla sfera enologica, all’ambito internazionale e dell’accoglienza in azienda. Tra loro anche molte quote rosa, un terzo dei partecipanti.

«Il gruppo, che diventerà in futuro un organo consultivo della Governance con una modifica dello statuto, ha l’importante obiettivo – spiega Christian Marchesini, presidente del Consorzio – di apportare innovazione in primis, grazie ad una visione dinamica e aperta, ma confidiamo sia anche capace di cooperare insieme al nostro CdA, relativamente a temi caldi per la Doc, come la sostenibilità, la corretta segmentazione dei vini della Valpolicella e la promozione».

A coordinare sarà Davide Manara, classe ’91, che rappresenterà anche i giovani del Consorzio Vini Valpolicella in Federdoc.

® Riproduzione riservata

sostieni winemag.it

Siamo una testata indipendente gratuita, ma il nostro lavoro ha un costo che la pubblicità fatica a ripagare.
Se credi nell'informazione libera e in un nuovo modo di raccontare il vino italiano, sostienici con un euro al mese.

Dello stesso autore

Altri articoli dalla stessa categoria