Strada del vino e dei Sapori dell’Oltrepò Pavese: una guida per incoraggiare l’enoturismo

Al via il progetto per realizzare una guida territoriale ragionata, suddivisa per itinerari, per mettere in luce la dimensione del gusto, dell’accoglienza, della natura, delle termalismo e della cultura che le colline a mezzora da Milano sanno offrire, nella loro
unicità. Così, l’Oltrepò Pavese getta le basi del futuro, in occasione di un incontro tra Regione, Provincia, Comunità Montana, Camera di Commercio, Gal, comuni, Consorzio Tutela Vini, Consorzio Tutela del Varzi, Distretto del Vino, Aci e imprenditori privati. Nuove parole d’ordine sono “squadra” e “concretezza”. Il presidente della Strada, Roberto Lechiancole, ha affidato lo studio di fattibilità della guida al tour operator Gianni Maccagni, all’esperto di eventi e promozione Patrizio Chiesa e al giornalista sportivo Massimo Tamburelli. “Siamo pronti a condividere con il territorio una svolta importante – dichiara Lechiancole – ma abbiamo bisogno che le imprese credano al fare. Basta aspettare, dobbiamo agire e passare dalla diagnosi alla terapia per un territorio che vale. Se andremo avanti uniti ce la faremo”. Un appello condiviso dalle istituzioni, a ogni livello, e dall’assessore regionale all’Agricoltura, Gianni Fava: “È bello essere in Oltrepò di fronte non a un problema ma a una proposta – evidenzia l’esponente del Pirellone – che parte dai privati e alla quale non possiamo che guardare con favore e attenzione. E’ l’unica Strada, tra le 12 della Lombardia, che ha presentato un progetto per la “promozione territoriale”, come da me più volte sollecitato”.

A fargli eco è stato l’assessore provinciale al Turismo, Emanuela Marchiafava: “La Provincia ha creduto per prima alla logica degli itinerari e i risultati ci stanno dando ragione”. In partita anche il Gal: “Il nuovo piano di sviluppo locale – dichiara il presidente, Alberto Vercesi – dà molto spazio alla valorizzazione turistica del territorio e alla sua capillare promozione”. Ci crede anche la Camera di Commercio: “Il nuovo Autunno Pavese al Castello Visconteo di Pavia è stato da parte nostra un segno tangibile di quanto ci stia a cuore mettere in vetrina l’agroalimentare di qualità – sottolinea il presidente Franco Bosi – e ci fa piacere constatare che la nuova Strada del Vino voglia operare in questa direzione”. Entusiasmo anche da parte degli operatori. Il presidente del Consorzio Tutela Vini Oltrepò Pavese, Michele Rossetti concorda: “Vino e territorio – sostiene –  vanno promossi a sistema, per dare identità nell’immaginario comune a una zona che deve ottenere adeguato valore aggiunto. La nuova guida della Strada sarà un segnale importante”.

Il presidente del Distretto del Vino, Fabiano Giorgi, ha esortato all’unità: “Ci sono sfide che devono vedere il territorio più unito che mai – dichiara – e quella di Roberto Lechiancole è una chance da non lasciarsi sfuggire”. L’assessore Ivan Elfi della Comunità Montana ha allargato il campo: “Ci sono vino e prodotti tipici – evidenzia – ma anche piccoli borghi da far riscoprire. Il nostro Appennino ha bisogno di una guida così”. A fargli eco,  il direttore del Consorzio di Tutela del Salame di Varzi, Annibale Bigoni: “Non potranno che beneficiare tutti di una promozione corale territoriale, perché è quello che manca per fare il salto di qualità. I nostri salumifici storici collaboreranno”. Il presidente provinciale di Aci, Marino Scabini, fa notare invece che “il club vanta oltre 10 mila associati ed è a disposizione per collaborare alla divulgazione della nuova guida”. Il mondo delle quattro ruote guarda “da sempre con favore a vino, gusto e benessere”. “Mi complimento con la Strada – aggiunge Scalini – per aver pensato a un prodotto capace di raccontare il nostro Oltrepò in modo organico a una vasta platea spesso a caccia d’idee per il weekend o per momenti di relax”. Il presidente della Strada del Vino e dei Sapori dell’Oltrepò Pavese, Roberto Lechiancole, esorta dunque le imprese del territorio a prendere contatto con l’associazione per entrare nella nuova guida.

Dello stesso autore

Altri articoli dalla stessa categoria

Leave a Comment