The white wine experience: a Cervia 50 etichette del “Club dei Bianchi in Romagna”

Appuntamento per lunedì 25 febbraio, dalle 17.00 alle 21.00, alle Officine del Sale

CERVIA – La Romagna dei vini a bacca bianca si presenta a Cervia con The white wine experience: una cinquantina di etichette che rappresentano il meglio della produzione del Club dei Bianchi In Romagna.

Un sodalizio composto da 15 cantine, in rappresentanza dei vari territori romagnoli, nato lo scorso luglio, e sceso in campo per far conoscere e promuovere i bianchi romagnoli. Vini con un ottimo rapporto qualità-prezzo, ma ancora non così conosciuti e diffusi sul territorio.

L’evento The white wine experience, aperto a winelover e operatori horeca, è in programma lunedì 25 febbraio (dalle 17.00 alle 21.00) alle Officine del Sale, uno degli storici magazzini cervesi costruito tra  il ‘600 e l’inizio del ‘700 con funzione di deposito e oggi splendidamente recuperato a locale polivalente, testimonial della cultura del cibo e del vino del territorio.

I DETTAGLI
Sui banchi d’assaggio allestiti all’interno delle Officine del Sale  si potranno degustare i classici autoctoni romagnoli di grande pregio come l’Albana Docg i cui grappoli dalle colline del Cesenate si rincorrono verso Bertinoro e su su fino a Dozza.

La Rebola (da Grechetto Gentile) del Riminese, il Trebbiano (quasi 15.000 ettari coltivati, più del doppio del Sangiovese) e il Pagadebit (Bombino Bianco). Ma ci saranno anche vitigni meno noti e quelli riscoperti come il Famoso (Rambèla, nella Bassa Romagna), che dopo anni di abbandono sta mietendo successi grazie alla sua elegante aromaticità.

E poi un’infinità di altri vitigni internazionali come il Pinot bianco, il Sauvignon blanc, lo Chardonnay o il Riesling, che crescono a loro agio nei terroir romagnoli. Vini e vitigni che negli ultimi anni, grazie allo sforzo e alla sperimentazione in vigna e in cantina, hanno prodotto vini eccellenti in qualità e piacevolezza di beva.

A completare l’offerta tante bollicine, realizzate con lo Chardonnay e con tanti autoctoni a bacca bianca, ma anche i cosiddetti Blanc de noir, spumanti a base Sangiovese vinificato in banco. In abbinamento ai banchi d’assaggio, per meglio gustare e giudicare i vini,  due piattini di tipicità realizzati a cura degli chef delle Officine del Sale.

LA FORMULA
Si degusta in piedi con il calice fornito alla cassa della manifestazione e il braccialetto che permette la degustazione libera dei vini. A servire e raccontare i bianchi di Romagna ci saranno i produttori pronti a spiegare le caratteristiche dei loro vini, il nuovo trend del bere bianco e a consigliare gli abbinamenti.

Per il pubblico costo all’ingresso € 12 con assaggio libero dei vini più due ticket food  per abbinare tapas e piattini  in assaggio. Per gli operatori Horeca ingresso e degustazione gratuita mostrando l’invito alla cassa.

Al termine dell’evento, per chi volesse continuare la serata, i vini bianchi del Club sposano il pesce dell’Adriatico in una cena a cura delle Officine del Sale: alici marinate, squacquerone e pida, risotto con le cozze, grigliatina nostrana e sorbetta il menù proposto dallo chef del locale cervese (costo € 20).

Dello stesso autore

Altri articoli dalla stessa categoria

Leave a Comment