Brut Metodo Classico Verdicchio Doc Riserva 2012 “Ubaldo Rosi”, Colonnara

PUNTEGGIO: 93/100 WINEMAG.IT. QUALITÀ PREZZO: 4.5/5

Siamo ad Apiro e Cupramontana, nel cuore della zona classica di produzione del Verdicchio dei Castelli di Jesi, su terreni di origine marina, di medio impasto. Il motivo? La degustazione del Brut Metodo Classico Verdicchio Doc Riserva 2012Ubaldo Rosi” della cantina Colonnara.

Qui, grazie ad altitudini superiori ai 500 metri sul livello del mare, si ottengono uve con acidità elevate e pH molto bassi, perfette per la spumantizzazione. “Ubaldo Rosi” dell’azienda Colonnara è un metodo classico di sole uve Verdicchio, che con i suoi 60 mesi di affinamento sui lieviti si conferma ancora oggi un’eccellenza italiana.

LA DEGUSTAZIONE
Di colore giallo paglierino con riflessi verdolini presenta perlage finissimo e persistente. Al naso è intenso ed elegante. I richiami varietali del Verdicchio, come i fiori bianchi, precedono note di scorza d’arancia e rosmarino, per poi virare sulla crosta di pane e la piccola pasticceria.

Il sorso è fresco, secco e ben strutturato con buona corrispondenza retro olfattiva. La bollicina è sottilissima ed invoglia una beva già di per sé semplice per acidità e sapidità.Il finale è lungo e salino, tipico del vitigno.

“Ubaldo Rosi” è un Metodo classico che sorprende giovane, ma ancor di più se conservato qualche anno in cantina. Può accompagnare tranquillamente piatti di pesce in ogni declinazione.

LA VINIFICAZIONE
Le uve di Verdicchio utilizzate per la produzione del Metodo classico Brut “Ubaldo Rosi” vengono vendemmiate anticipatamente, per preservare i livelli di acido malico. Dopo pressatura e sfecciatura avviene la prima fermentazione, per ottenere il vino base a cui verrà aggiunta la liqueur de tirage.

L’affinamento sui lieviti, successivo alla presa di spuma per questa tipologia di vino dura 60 mesi. Per quanto riguarda la Riserva 2012, la sboccatura è stata effettuata nel febbraio del 2018.

Tutte le fasi di lavorazione, dal remuage alla sboccatura, vengono compiute manualmente. Prima della tappatura definitiva viene aggiunta la liqueur de expedition per ridosare gli zuccheri all’interno della bottiglia (Brut).

Dello stesso autore

Sostieni WineMag.it

Sostieni winemag, voce libera e indipendente della cronaca enogastronomica italiana

Altri articoli dalla stessa categoria