App Fivi per Apple e Android: vignaioli indipendenti a portata di smartphone

L’iniziativa della Federazione

Si chiama AppFivi l’applicazione ufficiale della Federazione Italiana Vignaioli Indipendenti, la prima tra le associazioni di vignaioli in Europa a utilizzare questo strumento di comunicazione e condivisione via smartphone. Al momento hanno aderito all’iniziativa ben 800 dei 1.300 iscritti all’associazione presieduta da Matilde Poggi.

L’app apre un canale diretto sul mondo Fivi, con la possibilità di accedere facilmente al sito web della Federazione e di restare aggiornati sulle news. L’applicazione consente inoltre di fare una ricerca dei soci per ordine alfabetico, regione e parola chiave.

Ogni cantina aderente alla Fivi sarà infatti geolocalizzata, consentendo agli utenti di avviare il navigatore per raggiungerla e mettersi in contatto per organizzare visite e degustazioni. Non solo.

Tra le funzioni dell’applicazione ci sono la localizzazione delle cantine più vicine alla propria posizione e la selezione di una lista di quelle preferite. È possibile anche mettersi facilmente in contatto con i Vignaioli e acquistare i loro vini, “attraverso dei tasti rapidi”.

Un’alternativa all’e-commerce allestito da alcuni soci Fivi, a partire da quelli della Toscana, che tanto ha fatto e fa discutere all’interno della Federazione. Nella sezione “Eventi” sarà inoltre inserito il programma delle fiere a cui parteciperà la Federazione, con le relative informazioni sugli stand e sugli espositori.

“Lo sforzo collettivo dei vignaioli che hanno aderito all’app Fivi – spiega la Federazione – è volto a offrire maggiori possibilità di contatto con appassionati e sostenitori, dopo il rinvio del Mercato dei Vini 2020 di Piacenza, a causa della pandemia di Covid-19. L’app è uno strumento per rafforzare la rete dei Vignaioli, favorire l’incontro sul territorio e sostenere sempre di più l’enoturismo“.

® Riproduzione riservata

sostieni winemag.it

Siamo una testata indipendente gratuita, ma il nostro lavoro ha un costo che la pubblicità fatica a ripagare.
Se credi nell'informazione libera e in un nuovo modo di raccontare il vino italiano, sostienici con un euro al mese.

Dello stesso autore

Altri articoli dalla stessa categoria