Titanic Distillers Ltd: un nuovo Irish Whiskey dove venne costruito il famoso transatlantico

Nel porto di Belfast un progetto “non lesivo dell’edificio storico”

L’uomo d’affari Peter Lavery, in collaborazione con la società d’investimenti Norlin Ventures, ha dichiarato di voler aprire un distilleria di Whiskey irlandese nel porto di Belfast, sul sito in cui fu costruito il Titanic. La documentazione completa sarà presentata alle autorità competenti il prossimo mese e si prevede possa essere approvata entro il primo trimestre del 2021.

La Titanic Distillers Ltd, ufficialmente costituita nell’agosto 2018, potrà quindi vedere la luce ad aprile 2021 in coincidenza con la partenza del fatidico viaggio inaugurale del dell’RMS Titanic nell’aprile 1912.

Prima del proibizionismo, Belfast era il più grande produttore di Irish Whiskey nell’isola d’Irlanda – ha dichiarato Lavery – Il whiskey ha quindi svolto un ruolo importante nella storia della nostra città e siamo entusiasti di raccontare questa storia attraverso il lancio del nostro Titanic Whiskey e lo sviluppo di una nuova distilleria presso il bacino di carenaggio del Titanic”.

Inaugurato nel 1911, il Thompson Dry Dock fu appositamente realizzato dalla White Star per ospitare l’allestimento degli all’epoca più grandi transatlantici al mondo Titanic e Olympic ed è oggi diventato una meta turistica del “Titanic Quarter” nel porto irlandese.

Il progetto della Titanic Distillers, che ha vista coinvolta al società di consulenza O’Toole & Starkey, si basa sulla conversione della “Pumphouse” (l’edificio storico che ospitava le pome di drenaggio) ad un distilleria operativa.

Tutte le attrezzature della distilleria e i nuovi soppalchi interni – ha dichiarato O’Toole & Starkey – saranno installati su una struttura galleggiante all’interno della Pumphouse per evitare qualsiasi lavoro che possa essere lesivo dell’edificio storico. Inoltre tutte le pompe e gli altri macchinari storici interni saranno conservate in loco e faranno parte del tour per i visitatori”.

Non resta che attendere l’inizio dei lavori che si prevede debbano concludersi entro la fine del prossimo anno.

Dello stesso autore

Sostieni WineMag.it

Sostieni winemag, voce libera e indipendente della cronaca enogastronomica italiana

Altri articoli dalla stessa categoria