L’Ovada Docg incontra Milano: banco d’assaggio con 27 produttori di Dolcetto

Appuntamento per lunedì 10 febbraio 2020, dalle ore 15.30 alle 20.30, al The Westin Palace

MILANO – Un banco d’assaggio animato da 27 produttori di uve Dolcetto, coltivate in 22 comuni collinari dell’Alto Monferrato Ovadese e immediati dintorni, tra Acqui e Gavi, in provincia di Alessandria. È quanto propone il Consorzio di tutela dell’Ovada Docg, a Milano.

L’appuntamento è per lunedì 10 febbraio 2020, dalle ore 15.30 alle 20.30, al The Westin Palace di Piazza della Repubblica, 20. Ciascuna cantina presenterà una selezione delle proprie etichette.  L’evento, organizzato dal Consorzio in collaborazione con Ais Milano, è a ingresso è gratuito.

In contemporanea ai banchi di assaggio si terrà una Masterclass dal titolo “Ovada Revolution”. Interverranno il presidente del Consorzio di Tutela dell’Ovada Docg, Italo Danielli, e il produttore Giuseppe Ravera. La degustazione sarà condotta da Andrea Dani, sommelier e degustatore Ais. Per la masterclass è obbligatorio l’accredito all’indirizzo email info@ovada.eu.

Territorio dalla grande vocazione vitivinicola, l’Ovadese è splendido anche dal punto di vista paesaggistico, incastonato tra borghi medievali e antichi castelli. Il particolare microclima che lo caratterizza, con la presenza del vento marino che soffia dalla Liguria, rende unico il vino che si ottiene in questo territorio.

Le caratteristiche dei terreni, argillosi, tufacei, calcarei e loro combinazioni, esaltano le migliori espressioni del Dolcetto. Un vino dal colore rosso rubino intenso, con tonalità di mora, ricchissimo di antociani, dalla buona bevibilità anche in gioventù, che sa dare il meglio di sé anche dopo alcuni anni di affinamento.

L’Ovada Docg può essere considerato un vino di elevata “gastronomicità“. Si abbina infatti armoniosamente con i più svariati piatti di terra della tradizionale cucina piemontese ed in particolare con alcuni dei prodotti tipici dell’ovadese come gli agnolotti e i ravioli ripieni di carne, lo stoccafisso e, soprattutto, la perbureira, una particolare pasta e fagioli tipica di Ovada caratterizzata da un saporito soffritto a base di aglio e olio extravergine.

Dello stesso autore

Sostieni WineMag.it

Sostieni winemag, voce libera e indipendente della cronaca enogastronomica italiana

Altri articoli dalla stessa categoria