Il vino del numero 1, Gigi Buffon lancia il suo brand

”La maggior parte degli obiettivi prefissi li ho raggiunti, anche se qualcosa ancora manca… non so se mai riuscirò a realizzarli, ma ho la ferma convinzione che l’unico modo per farlo sia quello di desiderarli, di viverli intensamente anche quando sembrano utopie… senza sogni non si vive, si sopravvive… senza sogni non sei il protagonista della tua vita ma sei solo una scolorita figura che ha accettato rassegnato la propria esistenza, senza squilli, senza sussulti, senza vita…” parole di Gigi Buffon alla vigilia degli europei del 2012. Forse quel qualcosa che mancava a Buffon era un vino? Già, perché stavolta non è né il calcio, né una donna a far parlare di lui, ma proprio un vino, anzi il suo vino. Il portiere infatti ha appena stipulato un contratto pluriennale con la Fabio Cordella Cantine che produrrà in esclusiva per lui tre prodotti: un rosso Primitivo, un rosato Negroamaro e un bianco Chardonnay e Verdeca. Insomma Gigi non si è fatto mancare nulla, né i vitigni di casa, né quelli internazionali, come i campionati che ha disputato. A completare l’offerta della linea ”Buffon 1” anche un olio extravergine. La notizia è stata anticipata da un post su facebook delle Cantine Cordella con l’immagine di Buffon e l’annuncio di una sorpresa in arrivo, sorpresa che è diventata una dichiarazione subito dopo, sia tramite comunicato ufficiale del gruppo Cordella sia tramite annuncio sui social. Fabio Cordella, dirigente di calcio e imprenditore vinicolo ha fatto l’osservatore e il direttore sportivo poi ha deciso di dedicarsi ad altre passioni, come la produzione di vini nella sua terra d’origine, in Puglia, a Copertino, in provincia di Lecce. La sua Cantina è già fornitore di diversi esponenti di calcio italiano ed europeo, Roberto Mancini, Nemanja Vidic e tanti altri protagonisti del pallone, in Europa, Asia e Sudamerica. ll vino del numero 1, sarà acquistabile sulla pagine dello shop online delle Cantine Cordella e sarà distribuito a livello mondiale oltre che presentato nelle varie fiere. Una parte del ricavato delle vendite sarà destinato a progetti di beneficienza. Per l’occasione Gigi si è trasformato in sommelier. Così ha descritto il suo rosato Negroamaro: ”Rosato fresco buono buono, s’accompagna bene al pasto. E’ un vino facile ma con una certa consistenza e una buona anima. Ci piace!”. Una recensione semplice, in perfetto stile Gigi Buffon.

Dello stesso autore

Altri articoli dalla stessa categoria

Leave a Comment