Cavit riabbraccia La Vis: mancherebbe solo una firma sull’accordo tra le coop trentine

Annuncio ufficiale atteso in settimana, secondo fonti di winemag.it. sindacati attivi sul fronte occupazione


TRENTO –
Mancherebbe “solo una firma” per l’ufficialità del nuovo accordo tra Cavit e Cantina di La-Vis e Valle di Cembra. Il corteggiamento reciproco, di cui si parla da anni, potrebbe concretizzarsi a giorni, sull’altare della cooperazione trentina.

Cavit accetterebbe il debito che grava su La-Vis, con l’impegno di non riversarlo sulle cantine del proprio consorzio. A sua volta, la cantina sociale di Lavis rinuncerebbe alla propria “indipendenza”. Rientrando in Cavit a 15 anni dalla scissione.

Sui dettagli dell’accordo regna la massima discrezione da parte delle due cantine cooperative del Trentino. Secondo fonti accreditate di WineMag.it, Cavit avrebbe ottenuto l’avallo di La Vis per l’acquisizione dei brand “Casa Girelli“, “Cesarini Sforza” e “Glv Srl“, la società che si occupa della commercializzazione dei marchi di Lavis.

La Vis rientrerebbe come cantina cooperativa fornitrice. Mentre si attende un commento ufficiale, i primi a muoversi sono i sindacati. Aleggia la preoccupazione, infatti, per le conseguenze dell’operazione dal punto di vista occupazionale. Sono 2.500 le famiglie potenzialmente coinvolte.

Dello stesso autore

Altri articoli dalla stessa categoria