Birra Pedavena

Uno dei marchi più apprezzati dai consumatori qui nella versione “Speciale”

È uno di quei marchi commerciali che riscuote molto seguito. Che sia per la storia travagliata del birrificio, che sia per la sua posizione geografica a ridosso delle Dolomiti e per una qualche forma di legame territoriale o che sia per una presunta qualità di prodotto fatto sta che non è raro sentirsi dire “a me piace la Pedavena“. Ma come si comporta la famosa Birra Pedavena al calice? Abbiamo assaggiato per voi la versione Pedavena Speciale.

LA DEGUSTAZIONE
Un bel dorato carico con schiuma candida e piuttosto compatta. Naso piuttosto intenso in relazione alla categoria (tipologia-prezzo) che apre sui sentori aromatici del luppulo. Note agrumate ed erbacee seguite poi dalla dolcezza del malto. Piena al sorso risulta piuttosto avvolgente e poco amaricante. Dominano in bocca le note maltate e morbide che lasciano spazio all’amaro del luppolo solo delicatamente sul finale. Una birra fresca e dalla bevuta rotonda e piacevole.

BIRRA PEDAVENA
Storia travagliata, dicevamo, quella del Birrificio di Pedavena. Fondato nel 1897 dai fratelli Luciani che, originari di Canale d’Agordo, scelsero il comune di Pedavena (BL) per la qualità dell’acqua e cresciuto negli anni vide requisire i propri impianti dall’esercito Austro-ungarico dopo la battaglia di Caporetto. Tornato in mano ai proprietari nel dopoguerra riparte la crescita che porta Pedavena ad acquisire Dreher nel 1928 non che ulteriori stabilimenti nel secondo dopoguerra.

Con l’apertura di un nuovo impianto nel 1965  a Massafra (provincia di Taranto. L’attuale impianto Heineken da cui provengono le birre Dreher e Birra Messina) la crescita continua fino alle prime avvisaglie di crisi concretizzatasi nel 1974 con l’acquisizione da parte di Heineken. Proprio Heineken decide, nel 2004, la chiusura dello stabilimento di Pedavena.

Grazie alla mobilitazione dei dipendenti, dei sindacati, delle autorità locali, della popolazione (oltre 44.000 le firme raccolte), e all’interessamento di imprenditori della zona nel 2006 l’impianto ed il marchio vengono rilevati da Birra Castello. Ripresa la produzione, dallo stabilimento bellunese escono oggi le bottiglie a marchio Pedavena, Birra Dolomiti ed alcune private label della Gdo.

Dello stesso autore

Altri articoli dalla stessa categoria