Amaro Lucano e Mancino Vermouth: la fusione è realtà

Le due aziende sognavano di unire i loro marchi dal 2013

Amaro Lucano e Mancino Vermouth: la fusione è realtà

«Cosa vuoi di più dalla vita? Un Amaro Lucano Mancino». Potrebbe suonare così la nuova pubblicità del noto drink della famiglia Vena, che ha rilevato la maggioranza di Mancino Vermouth. «Una data che non dimenticheremo mai», commentava ieri sui social l’imprenditore lucano Giancarlo Mancino, che ricoprirà il ruolo di consigliere con delega allo sviluppo del business.

Inizia un nuovo capitolo e non potremmo essere più felici di condividere finalmente questa notizia con il mondo intero. Mancino Vermouth e Amaro Lucano sono ora una famiglia. Stessa eredità lucana, stessa passione per la qualità, stessi ideali e stessa visione del futuro. Il viaggio è appena iniziato, e siamo già più che entusiasti di abbracciare tutte le avventure che il futuro ci riserva. Ci vediamo tutti, come sempre, al bar».

La fusione di Mancino con lo storico marchio guidato da Leonardo Vena era un sogno condiviso dalle due imprese. L’operazione consentirà a Gruppo Lucano di arricchire la sua offerta con una selezione di sette etichette di Vermouth piemontese.

La volontà di creare un progetto comune ha preso avvio nel 2013, durante un incontro a Chicago. Negli anni i rapporti si sono susseguiti e consolidati, grazie anche alle innumerevoli fiere in cui Mancino e Lucano sono presenti. Nel 2021 si è così «concretizzata l’opportunità di lavorare insieme».

L’influenza nel mercato on trade luxury di Mancino Vermouth e la sua presenza ben distribuita nel territorio asiatico, spiegano le due aziende, hanno rappresentato un plus molto importante per Lucano e per i suoi obiettivi di crescita e di sviluppo in altri mercati.

Contestualmente l’azienda Mancino, il cui fatturato è per il 90% sviluppato nel mercato estero (più del 50% tra Far East e Usa), entra a far parte di una delle più importanti realtà italiane nella produzione e commercializzazione di Spirits. L’obiettivo è «una crescita significativa, confermando il suo posizionamento nel mercato on trade luxury».

® Riproduzione riservata

sostieni winemag.it

Siamo una testata indipendente gratuita, ma il nostro lavoro ha un costo che la pubblicità fatica a ripagare.
Se credi nell'informazione libera e in un nuovo modo di raccontare il vino italiano, sostienici con un euro al mese.

Dello stesso autore

Altri articoli dalla stessa categoria