Vino Australiano: bene l’export nonostante il Covid

Cresce il valore medio del vino esportato al 30 giungo mentre calano i volumi

Nel periodo 2019-2020 il valore medio delle esportazioni di vino australiano è cresciuto a 3,89 dollari per litro “franco a bordo” (Fob), il livello più alto dal 2004-2005. Tuttavia il valore totale delle esportazioni sia diminuito dell’1% in valore attestandosi a 2,84 miliardi di dollari come conseguenza delle misure anti Covid-19.

L’avvento della pandemia ha provocato interruzioni senza precedenti per i mercati del vino in tutto il mondo – ha affermato Andreas Clark, amministratore delegato di Wine Australia – con la chiusura di ristoranti, caffè e bar. Mentre i primi due trimestri del 2019-20 hanno mostrato aumenti delle esportazioni, nel terzo trimestre, conclusosi a marzo 2020, le esportazioni sono diminuite del 7% in valore rispetto all’anno precedente, mentre il quarto trimestre è stato leggermente più forte con un calo dell’export pari al 4% in valore”.

Anche se rimane una notevole incertezza sull’entità, la durata e l’impatto della pandemia in termini sanitari ed economici, sono emerse alcune chiare tendenze nei mercati chiave in relazione alle vendite di vino.

Nel complesso, la domanda di vino e il consumo di vino ha resistito nella maggior parte dei mercati mondiali – ha proseguito Clark -L’impatto maggiore è stato sul modo in cui i consumatori hanno acquistato vino, con la chiusura del canale horeca e il passaggio all’online. Nel canale off-trade c’è stata una crescita in tutte le fasce di prezzo, dove si è invertita la tendenza al calo del rapporto volume/valore coi consumatori che si orientano verso marchi noti e vini quotidiani rispetto ai vini da occasione”.

La crescita del valore medio è stata trainata dal calo dei volumi di esportazione, diminuiti del 9%, trainati dal calo dei vini nei nei segmenti di prezzo più bassi. Diminuzione di volume guidato più dalla carenza di offerta che dal calo della domanda, con le annate 2018 e 2019 poco produttive e l’annata 202o che è stata la più scarsa dell’ultimo decennio.

Le esportazioni di vino imbottigliato sono diminuite dello 0,4% in valore e dell’8% in volume. Ciò si è tradotto in un aumento dell’8% del valore medio assestandosi a 7,08 dollari per litro (Fob). L’aumento del valor medio è stato trainato dai vini di fascia alta.

Le esportazioni di vino sfuso sono diminuite del 3% in valore e del 10% in volume con valore medio che è aumentato dell’8%, pari a 1,31 dollari al litro (Fob). Il valore medio delle esportazioni sfuse è rimasto elevato e si trova su livelli che non si raggiungevano dalla fine del 2005 a causa della relativa scarsità di vino australiano in una situazione di

Nel 2019-2020, tutte le fasce di prezzo inferiori a 15 dollari al litro (Fob) sono diminuiti di valore, calo parzialmente compensato dalla forte crescita delle esportazioni, pari a  50 o più dollari al litro (Fob). Nel complesso le esportazioni di fascia superiore ai 10 dollari al litro (Fob) sono cresciute del 5% a 1,04 miliardi di dollari.

LE DESTINAZIONI DELL’EXPORT
L’anno scorso il vino australiano ha raggiunto 116 destinazioni. Le esportazioni sono aumentate in valore in Europa (615 milioni di dollari, +3%) e nel Sud-est asiatico (181 milioni di dollari, +0,3%).

Il valore spedito in Europa è stato il più alto dal 2011-2012, mentre le spedizioni nel Sud-est asiatico rappresentano un record nell’anno finanziario. Il Regno Unito, la Germania e la Scandinavia hanno trainato la crescita in Europa, mentre Singapore e Indonesia sono stati i principali motori della crescita nel sud-est asiatico.

Le prime cinque destinazioni per valore sono:

  • Cina continentale, 1,1 miliardi, +0.7%
  • Stati Uniti d’America, 430 milioni, – 0,4%
  • Regno Unito, 383 milioni, + 3%
  • Canada, 186 milioni, -6%
  • Singapore, 98 milioni, +13%

Le esportazioni verso la Cina continentale sono aumentate dello 0,7% in valore a 1,1 miliardi di dollari e sono diminuite del 17% in volume a 121 milioni di litri. Il valore medio è aumentato del 22% a 9,07 dollari al litro Fob.

Nonostante il calo di valore l’Australia rimane il primo importatore di vino nella Cina continentale e nell’ultimo anno ha ottenuto risultati migliori rispetto ai suoi principali concorrenti. I dati sulle importazioni dal Global Trade Atlas mostrano che l’Australia detiene una quota del 37% del valore del vino importato dalla Cina continentale nei 12 mesi terminati a maggio 2020, ben prima della Francia con il 27%, del Cile con il 13% e dell’Italia con il 6%.

Nel 2019-2020, il valore delle esportazioni verso gli Stati Uniti d’America è diminuito dello 0,4% a 430 milioni di dollari e il volume è diminuito del 10% a 137 milioni di litri. Il valore medio è aumentato dell’11% a 3,13 dollari al litro Fob. Le restrizioni sull’horeca dovute al Covid sembrano aver aiutato le vendite di vino australiane con il valore delle esportazioni che si è stabilizzato nel terzo trimestre prima di aumentare del 14% nel quarto trimestre.

Nel 2019-2020, le esportazioni di vino australiano nel Regno Unito sono aumentate del 3% in valore a 383 milioni di dollari, nonostante una riduzione del 2% in volume a 232 milioni di litri. Il valore medio è aumentato del 5% a 1,65 dollari al litro Fob.

Dello stesso autore

Sostieni WineMag.it

Sostieni winemag, voce libera e indipendente della cronaca enogastronomica italiana

Altri articoli dalla stessa categoria