VE.N.TO: per la prima volta nella storia un cocktail a base grappa entra nella lista Iba

Un drink semplice che apre un’era di miscelazione tutta da esplorare

Per la prima volta nella storia della cocktail list dell’Iba, l’International Bartenders Association, entra un drink con base grappa. Si chiama VE.N.TO, quasi a simboleggiare la ventata di novità dai vertici dell’Iba, associazione con 60 mila bartender iscritti al mondo, dove siede l’italiano Giorgio Fadda, ex presidente Aibes.

Una rivincita per il più italiano e rappresentativo dei distillati verso chi non lo considerava adatto alla miscelazione.  VE.N.TO nasce dal lavoro Samuele Ambrosi, responsabile dell’area miscelazione di GrappaRevolution, e Leonardo Veronesi, bartender del Rivabar di Riva del Garda.

VE.N.TO non vuole essere il drink base grappa per eccellenza – dichiara Samuele Ambrosi – ma l’emblema della miscelabilità della grappa e della sua versatilità. Un drink semplice, come da standard Iba, ma che racchiude in se un significato più ampio. L’inizio di una era di miscelazione tutta da esplorare, ricca di sperimentazione, che vedrà la grappa sempre più protagonista”.

La nuova cocktail list Iba, la sesta dalla sua nascita nel 1961, contiene 92 drink, 15 in più rispetto all’ultima edizione risalente al 2011. I drink sono raccolti in tre categorie. VE.N.TO rientra nei New Era Drinks, la categoria nella quale Iba legge ed interpreta i trend in voga a livello mondiale.

Credo che VE.N.TO rappresenti una pietra miliare nella storia della grappa. I produttori hanno fatto passi da gigante negli ultimi decenni – commenta Leonardo Pinto, fondatore di GrappaRevolution – affinando le tecniche di produzione ed ampliando le competenze. Eleganza, territorialità e piacevolezza sono oggi le parole d’ordine di questo distillato. La grappa è ad oggi un distillato versatile, giovane e ricco di sfaccettature, pronto a competere sia nel balloon che nella miscelazione con i grandi distillati mondiali”.

VE.N.TO
45 ml di Grappa bianca morbida
22.5 ml di Succo fresco di limone
15 ml di Honey mix (l’acqua può essere sostituita da infuso di camomilla)
15 ml di cordiale alla camomilla
10ml di bianco d’uovo (facoltativo)

Tecnica Shake&Strain. Mettere tutti gli ingredienti nello shaker con ghiaccio ed agitare con forza. Filtrare e servive in un bicchiere tumbler precedentemente raffreddato e colmato di ghiaccio.

Garnish: scorza di limone ed acini di una bianca.

Dello stesso autore

Sostieni WineMag.it

Sostieni winemag, voce libera e indipendente della cronaca enogastronomica italiana

Altri articoli dalla stessa categoria