Nuova Doc del vino per la Calabria tirrenica: si chiamerà Costa degli Dei

Primi incontri con gli emissari della Regione per il gruppo di vignaioli promotori: “Siamo ottimisti”


VIBO VALENTIA –
Una nuova Doc per il vino della Calabria. Utile a dare lustro, visibilità e soprattutto risorse economiche ai produttori della fascia tirrenica, da convogliare sul territorio grazie a un nuovo Consorzio. Si chiamerà molto probabilmente Costa degli Dei la nuova Denominazione di Origine controllata del vino calabrese.

Il comitato promotore ha incontrato nei giorni scorsi, per la prima volta, gli emissari della Regione. “Abbiamo avuto un’ottima impressione – riferiscono i vignaioli a WineMag.it – e speriamo che ora il percorso possa iniziare ufficialmente”.

Cinque le cantine che si riuniranno in un’associazione di scopo, utile alla costituzione della nuova Doc. Si tratta di Cantine Artese, Casa Comerci, Marchisa, Cantine Benvenuto e Cantina Masicei. Tutte operanti in provincia di Vibo Valentia.

I NUMERI

Gli ettari complessivi sono 767, con una superficie rivendicabile a Doc che ammonta a poco più di 387 ettari. Il cuore della nuova Denominazione sarà il Comune di Nicotera, con 167 ettari (63,67 rivendicabili). Segue Drapia, con 105 ettari, di cui 61,65 rivendicabili. Terzo gradino del podio per Limbadi, con 52,46 rivendicabili sui 105 complessivi.

Sono ben 38, tuttavia, i Comuni vibonesi potenzialmente interessati dalla nuova Doc del vino calabrese. Precise anche le indicazioni sulla base ampelografica. L’idea è quella di puntare tutto sul Magliocco Canino per i rossi e sullo Zibibbo per le varietà a bacca bianca.

“Quello che speriamo di ottenere – spiega Cosmo Rombolà di Cantina Masicei (nella foto) – è uscire da questa sorta di anonimato che contraddistingue la parte tirrenica della regione, nota più altro per la bellezza delle sue spiagge”.

Non a caso la nuova Doc, secondo le prime indiscrezioni, potrebbe chiamarsi Costa degli Dei. Così è chiamata la fascia costiera tirrenica che va da Pizzo Calabro a Nicotera. Un nome di richiamo che va ben oltre il vino, perfetto anche in ottica di sviluppo dell’enoturismo.

Sulla Costa degli Dei – nota anche come “Costa Bella” – si affacciano infatti 55 chilometri di spiagge considerate tra le più belle della Calabria e d’Italia, attorno alle quali i tour operator locali agiscono già da anni secondo logiche di sistema. Per citarne alcune Tropea, la “Perla del Tirreno”, Capo Vaticano, Parghelia con la Pizzuta e Zambrone.

“Ognuno dei vignaioli di questa zona – spiega Rosa Comerci della cantina Casa Comerci – ha delle potenzialità incredibili da esprimere. Potenzialità che una Doc potrebbe solo valorizzare. Speriamo dunque che le istituzioni vogliano supportarci, come dimostrato nel primo incontro con i tecnici della Regione”.

Una Calabria, quella della costa tirrenica, che punta dunque a sdoganarsi da Cirò, vero centro nevralgico del vino calabrese con le nobili etichette ottenute da uve Gaglioppo, sulla costa ionica. Nell’epoca della globalizzazione, questa è molto più di una battaglia campanilista.

C’è il risveglio di una regione, la Calabria, che si piace sempre più allo specchio dell’enologia nazionale e internazionale. E lo fa a buona ragione, negli anni in cui l’autoctono è sempre più sinonimo di valore.

Nuova Doc del vino per la Calabria tirrenica: si chiamerà Costa degli Dei

Loading image... Loading image... Loading image... Loading image...

Dello stesso autore

Altri articoli dalla stessa categoria