Giornate della Cucina Alpe-Adria: a Klagenfurt dal 17 al 27 settembre 2020

Le tradizioni culinarie di Austria, Italia e Slovenia si incontrano nella capitale della Carinzia

Si terranno dal 17 al 27 settembre a Klagenfurt le “Giornate della Cucina Alpe-Adria“. Nelle difficili condizioni causate dall’emergenza coronavirus, l’ufficio turistico di Klagenfurt, capoluogo della regione Carinzia nell’Austria meridionale, invia un segnale di amicizia e solidarietà alle vicine Italia e Slovenia proponendosi come luogo d’incontro per scambi culinari, culturali ed economici.

Ospiti della manifestazione 15 chef , 25 ristoranti, più di 30 piccoli e selezionati eventi culinari e oltre 45 produttori. Con questi numeri Klagenfurt si è posta l’obiettivo di diventare nel prossimo futuro “città del gusto e dei sapori” di riferimento nella regione, puntando a uno scambio al di là delle frontiere, affinché le cucine e gli chef di Carinzia, Slovenia, Friuli Venezia Giulia e Veneto si incontrino e si ispirino reciprocamente.

I locali del centro rivisiteranno le ricette tipiche della regione, proponendo originali creazioni che rispecchiano le radici della tradizione culinaria regionali. Verranno proposti non solo piatti e menù speciali, ma appuntamenti tematici come degustazioni di vini, corsi di cucina, tavole rotonde e menù degustazione con focus che spaziano dai tortellini, all’olio d’oliva, dal gin al rum.

Finale culminante delle Giornate sarà il Percorso del Gusto dell’Alpe-Adria nel centro storico di Klagenfurt: dal 25 al 27 settembre, tra portici rinascimentali, cortili e splendide piazze, si gusteranno le prelibatezze regionali. Più di 45 espositori presenteranno i loro prodotti, fra i quali oli d’oliva, zafferano, formaggio, erbe selvatiche, vini, carne biologica, dolci e caffè. Hotspot culinari come le città di Sappada, Goriška Brda, Riegersburg, Gorenja Vas e della Carinzia centrale saranno ospiti e mostreranno la loro varietà.

Ospiti di quest’anno saranno gli chef sloveni Tomaž Kavčič (Pri Lojzetu, Vipava) Gregor e David Vračko (Hisa Denk e MAK, Maribor), Jure Tomič (Debeluh, Bresiče), gli italiani Ilija Pejič (Ristorante Ilija, Tarvisio), Andrea Irsara (Ristorante Stüa dla Lâ, Badia) e Marco Da Rin Bettina (Baita Mondschein, Sappada), Alessandro Gavagna (La Subida, Cormons), Nadia Pasquali (Alla Borsa, Valeggio sul Mincio), gli austriaci Tom Mascher (Pfleger, Anras), Lucas Gröfler (Dolomite Golf, Lavant), Peter Troißinger (Malerwinkel, Riegersburg) e naturalmente i cuochi di Klagenfurt come Leo Suppan (Leiten, Karnburg), Stephan Vadnjal (Dolce Vita), Jürgen Kruptschack (Schweizerhaus) e molti altri.

Dello stesso autore

Sostieni WineMag.it

Sostieni winemag, voce libera e indipendente della cronaca enogastronomica italiana

Altri articoli dalla stessa categoria