Cina, boom dell’export di Prosecco Dop nel 2019

Crescono tutti i vini italiani: lo rivela un’analisi Coldiretti

SHANGHAI – Balzo record delle esportazioni di Prosecco Dop in Cina che segna un aumento del 31% in quantità nel 2019. È quanto emerge da una analisi Coldiretti sulla base dei dati Istat relativi ai primi sette mesi dell’anno in occasione della visita del presidente cinese XI Jinping al padiglione italiano alla Cina international import expo a Shanghai, dove ha brindato con un bicchiere di Prosecco assieme al ministro degli Esteri Luigi Di Maio.

La crescita delle vendite delle bollicine italiane più note all’estero fa da traino all’intero settore vitivinicolo che mette a segno un incremento generale dell’11% delle esportazioni verso Pechino.

Un risultato spinto anche dal crollo delle esportazioni di vino Usa in Cina a causa della guerra dei dazi fra gli Stati Uniti e il gigante asiatico per la quale si sta cercando di raggiungere un accordo tra Donald Trump e Xi Jinping.

L’aumento delle vendite sul mercato cinese – sottolinea Coldiretti – è il segnale di uno spostamento ad est della mappa dei consumi del nettare di Bacco.

Per effetto di una crescita ininterrotta nei consumi la Cina è, infatti, entrata nella lista dei cinque Paesi che consumano più vino nel mondo ma è in testa alla classifica se si considerano solo i rossi”.

“Si tratta dunque di un mercato strategico per l’Italia, peraltro con grandi potenzialità di crescita se si considera che al momento le vendite di vino tricolore si concentrano per oltre il 90% sui mercati dell’Europa e del Nord America.

In tale ottica è importante è ancora più importante l’accordo raggiunto oggi tra Ue e Cina, in difesa delle produzioni italiane Doc e Igp dalla concorrenza sleale dei falsi e delle imitazioni. Dei 26 marchi, ben 13 sono vini.

Dello stesso autore

Altri articoli dalla stessa categoria