La “Edible six pack rings” che contribuisce a salvare la fauna marina

inquinamento marino plasticaNon sarà la soluzione definitiva ai problemi di inquinamento e di morte alla quale vanno incontro ogni anno numerosi animali marini che, secondo i dati Greenpeace muoiono proprio a causa della plastica ingerita, ma sicuramente, l’idea del birrificio “Saltwater Brewery” , un’azienda del sud della Florida è apprezzabile. Non riuscendo le istituzioni, la comunità ad instillare un po’ di senso civico ed educare gli esseri umani a non disperdere i rifiuti nell’ambiente, al birrificio hanno pensato di sostituire la plastica utilizzata per la griglia ad anelli che tiene insieme le lattine con un materiale edibile, creato con i residui della fermentazione di orzo e frumento, un vero e proprio nutrimento per gli animali. Gli americani sono grandi consumatori di birra, si stimano consumi per 24 milioni di litri di cui la metà in lattina ed il trend è in crescita, quindi, i potenziali rifiuti ”plastici”, seppur come previsto dalle normative a smaltimento veloce nell’ambiente, sono davvero molti. La soluzione edibile avrebbe l’unico “difetto” di essere più costosa ed impattante  sul costo finale della birra, che però, come spera l’amministratore,  gli americani saranno disposti ad assorbire per sostenere la giusta causa. Chris Gove, Presidente di Saltwater auspica anche che i competitor seguano la medesima strada, portando nel breve periodo ad una riduzione dei costi di produzione per questo nuovo packaging versione commestibile. Va precisato che l’impatto degli anelli di plastica è davvero minimo, rispetto ai problemi generati da altre fonti di plastica, ma come si dice, le piccole cose fanno le grandi cose. Un progetto che negli ultimi giorni ha fatto balzare alle cronache il birrificio sia in America che in tutto il mondo: un’iniziativa che avrà certamente un ritorno pubblicitario, ma anche di “green marketing” che si aggiunge ad altre di sensibilizzazione sul tema.

Dello stesso autore

Altri articoli dalla stessa categoria

Leave a Comment