Vernaccia di San Gimignano 2014 – Fattoria il Palagio

Un vino fragrante, stuzzicante, che invoglia al sorso successivo. E’ la Vernaccia di San Gimignano della Fattoria del Palagio, denominazione di origine controllata e garantita. Una bottiglia dotata di grande versatilità, per la sua capacità di fare bella figura sia accostata agli antipasti e ai piatti di pesce, sia alle carni bianche. Ottima con le cozze, per esempio. E perfetta anche con le zucchine ripiene di carne e prosciutto. Nel calice, la Vernaccia del Palagio si presenta di colore giallo paglierino chiaro, con riflessi verdi evanescenti. Il naso è generoso, ma fine ed elegante. Si avvertono note di mela verde, limone e nocciola, impreziosite da note floreali. Al palato risulta sapida, lievemente astringente nei primi istanti, per poi aprirsi, allungarsi e dilungarsi in sentori di agrumi, mela e mandorla. Quest’ultima molto persistente e capace di donare assieme equilibrio e carattere all’assaggio. Viste tali caratteristiche, non bisogna sorprendersi se la Vernaccia di San Gimignano Docg è uno dei pochi vini bianchi italiani prodotti anche nella versione riserva. Col passare del tempo, infatti, si accrescono le note minerali, conferendo a questo vino il noto sapore di pietra focaia, caratteristico del vitigno se invecchiato. La temperatura di servizio non deve superare i 10 gradi. La Vernaccia di San Gimignano è una Docg prodotta esclusivamente in Toscana, sul territorio dell’omonimo Comune di San Gimignano, a cavallo tra le province di Siena, Firenze e Pisa. Quella della Fattoria del Palagio, in particolare, proviene dalle tenute di proprietà della famiglia Zonin, a Colle di Val D’Elsa, Siena. Si tratta di un vino dalle origine antiche. Ce ne sono tracce già nel Duecento, quando è presente – secondo le cronache dell’epoca – sulle tavole dei banchetti regali di mezza Europa. Poi si diffonde anche tra il volgo, diventando uno dei vini bianchi italiani più apprezzati al mondo.

Prezzo pieno: 6,99 euro
Acquistato presso: Il Gigante, Assago Milanofiori (MI)

Dello stesso autore

Altri articoli dalla stessa categoria

Leave a Comment