Vermentino e Grecanico Cantine Settesoli: tra novità e continuità in Sicilia

C’è una new entry nella gamma di Cantine Settesoli: è il Vermentino, varietà di cui la cantina di Menfi (AG) detiene la maggior superficie vitata in Sicilia, con il 63% dei vigneti presenti sull’isola. “La nuova etichetta si affianca al Grecanico Settesoli – evidenzia Paolo D’Adamo, national key account manager Settesoli – insieme ai suoi fratelli di gamma autoctoni Grillo, Inzolia, Nero d’Avola e Nerello Mascalese: tutti vini Sicilia Doc disponibili nei migliori supermercati d’Italia e del mondo”.

LA DEGUSTAZIONE

  • Terre Siciliane Igt Vermentino 2019 Settesoli 3.5 out of 5 stars (3,5 / 5)
    Giallo paglierino. Naso ampio e preciso, floreale e fruttato. Macchia mediterranea in grande evidenza al naso, assieme al gelsomino. Tocchi di limone e mela matura, ma anche di pesca bianca. Bella presenza al palato: la frutta gioca sulla spina dorsale della freschezza, conferendo equilibrio e un’ottima beva al vino. Persistenza più che sufficiente sull’allungo salino.
  • Sicilia Doc Grecanico 2019, Settesoli 4 out of 5 stars (4 / 5)
    Giallo paglierino leggermente più carico del precedente. Note agrumate in primissimo piano, unite alla pesca bianca e a un tocco leggerissimo di spezia bianca. Ingresso di bocca fresco e velatamente salino, prima che il sorso si allarghi nuovamente sulla frutta già avvertita al naso. Naso e bocca, nonostante l’estrema freschezza, evidenziano una discreta aromaticità, tipica del vitigno. Buona la persistenza, su un accenno mielato.

Prezzo: 4,99 euro
Vermentino acquistabile presso: Conad, Etruria, e Sisa Sicilia
Grecanico acquistabile presso: Coop, Conad, Bennet, e da Crai Sicilia


***DISCLAIMER: L’articolo è stato richiesto a Vinialsupermercato.it da Cantine Settesoli ma è stato redatto in totale autonomia dalla testata giornalistica, nel rispetto dei lettori e a garanzia dell’imparzialità che caratterizza i nostri giudizi***

® Riproduzione riservata

sostieni winemag.it

Siamo una testata indipendente gratuita, ma il nostro lavoro ha un costo che la pubblicità fatica a ripagare.
Se credi nell'informazione libera e in un nuovo modo di raccontare il vino italiano, sostienici con un euro al mese.

Dello stesso autore

Altri articoli dalla stessa categoria