Qual è la miglior birra analcolica, nell’anno del boom delle birre zero alcol?

«Alex inutile e triste come la birra senz’alcol» scriveva Enrico Brizzi in “Jack Frusciante è uscito dal gruppo”, nel 1994. È passato più di un quarto di secolo e l’idea della “bionda senza alcol” non è cambiata. Si pensa alla birra analcolica come a qualcosa che vada bene giusto “in pizzeria”, con gli amici. Quando hai estratto la pagliuzza più corta e tocca a te guidare. Perché diciamoci la verità: si compra la birra analcolica al supermercato solo se hai ospite l’amico astemio. La sollevi guardingo dallo scaffale, come un…

Vai all'articolo

Birrificio Angelo Poretti entra nel patrimonio italiano di Assocastelli

Birrificio Angelo Poretti, marchio facente parte del gruppo Carlsberg, è entrato nel patrimonio italiano come socio onorario di Assocastelli con il suo stabilimento sito a Induno Olona nei pressi di Varese e l’adiacente Villa Magnani, di proprietà aziendale, progettata dall’architetto Ulisse Stacchini, lo stesso che a Milano ha realizzato la stazione centrale e lo stadio Meazza, che il gruppo ha saputo conservare a valorizzare contribuendo al richiamo turistico del territorio. Alla cerimonia sono intervenuti il Presidente di Assocastelli barone Ivan Drogo Inglese coadiuvato da Simona Beretta responsabile Assocastelli a Varese,…

Vai all'articolo

Carlsberg Pilsner e Carlsberg Unfiltered

“Probably the best beer in the world”. Vola basso Carlsberg che riporta questo slogan impresso nel vetro delle proprie birre. “Probably” è anche il leitmotiv della campagna pubblicitaria, on air dallo scorso 30 giugno, con cui il birrificio danese lancia due prodotti. Due spot con protagonista l’attore danese Mads Mikkelsen dedicati a Carlsber Pilsner e Carlsberg Unfiltered. “Tutto può essere migliorato […] e magari creare la più bilanciata pilsner al mondo. Probably” è il tema di lancio della Pilsner. Non ridete sotto i baffi pensando che tanto sempre di birra…

Vai all'articolo

Ichnusa: le diverse sfumature dell’anima sarda

Se sul mercato italiano Asahi Breweries, Carlsberg e Forst si giocano la pseudo-artigianalità con Peroni Cruda, Poretti 3 Luppoli Non Filtrata e Felsenkeller Bier, Gruppo Heineken lo fa sfoggiando il marchio Ichnusa. “Anima sarda” come da anni recitano non solo le campagne pubblicitarie ma anche l’etichetta stessa, Ichnusa (acquista da Heineken nel 1986) è effettivamente prodotta ancora oggi nell’impianto di Assemini-Macchiareddu (area metropolitana di Cagliari). Forse uno dei primi marchi “italiani” ad arricchire la propria gamma affiancando alla tradizionale lager Ichnusa Cruda nel 2012 (in occasione del centenario dalla fondazione)…

Vai all'articolo