Prosecco: nel mirino dei Nas Saliz di Refrontolo e Spagnol Col del Sas di Vidor

TREVISO – Sono ColSaliz di Refrontolo e Spagnol Col del Sas di Vidor le due aziende del Prosecco finite nel mirino dei carabinieri del Nas nei giorni scorsi, in provincia di Treviso. I controlli sono tuttora in corso. Sarebbe stato sequestro materiale potenzialmente atto alla sofisticazione del vino.

I Nas di Treviso, al comando del colonnello Vincenzo Nicoletti, avrebbero rinvenuto zucchero, acidi forti e minerali utili ad aumentare il grado zuccherino del Prosecco. Una sofisticazione “giustificata” da una vendemmia, la 2018, che ha fatto registrare gradi Babo mediamente bassi nelle uve Glera.

Le accuse mosse alle due aziende sarebbero comunque differenti. “Nulla da dichiarare” è la risposta dei titolari dell’azienda agricola ColSaliz di Refrontolo, raggiunti telefonicamente da vinialsuper. Si tratta della cantina di proprietà di Antonio Faganello, ben radicata nel Veneto del Prosecco con 15 ettari di vigneto.

Molto più disponibile Marco Spagnol, cotitolare della Col del Sas di Vidor, nel cuore della zona di produzione del Conegliano Valdobbiadene Docg Prosecco Superiore: 32 ettari complessivi e una storia di viticoltura avviata nel 1986.

“Si tratta di un’operazione di routine svolta dai carabinieri del Nas all’interno della nostra cantina – spiega Spagnol – ma ci teniamo a precisare che non sono stati rinvenuti acidi o minerali per la sofisticazione”.

“Per quanto riguarda lo zucchero non posso rilasciare dichiarazioni”, aggiunge il produttore. “Ma faccio presente che, essendo la nostra un’azienda spumantistica, siamo autorizzati ad usarlo sulla base della vigente normativa”.

“Siamo in attesa del dissequestro – continua Marco Spagnol – che riguarda soprattutto documentazione relativa ai mosti della vendemmia 2018. Abbiamo fornito tutte le spiegazioni necessarie alle autorità competenti, nei tempi previsti. Per questo non ci è stata ancora comminata alcuna sanzione, ma solo una diffida”.

Dello stesso autore

Altri articoli dalla stessa categoria

Leave a Comment