Oltrepò harakiri. “Strada dei vini” a Redavalle, ok del Comune a Losito e Guarini

REDAVALLE – Ci son voluti tre anni. Ma alla fine, l’imbottigliatore Losito e Guarini, noto per la sua linea di vini dell’Oltrepò pavese “Le Cascine” (spesso in vendita al supermercato sotto ai 2 euro) ha ottenuto quello che voleva.

Il Comune di Redavalle intitolerà la via che conduce alla cantina col nome “Strada dei vini“.

Un toponimo che sembra stridere con le celebri “Strade dei vini e dei sapori”, istituite in Italia con la Legge 268 del 27 luglio 1999 e di cui sono presenti esempi in Europa e nel mondo, come le Route del Vins, le Wine Route o le Weinstraße.

Tutto regolare, invece, per il Responsabile del Servizio Territorio e Ambiente del Comune pavese, Andrea Mussi. Suo il “parere di regolarità tecnica” del provvedimento. L’ultima parola spetta comunque alla Prefettura di Pavia, chiamata ad esprimersi per la necessaria autorizzazione all’attuazione.

I FATTI
La delibera della Giunta comunale di Redavalle – borgo di mille anime che sorge 25 chilometri a Sud di Pavia – risale al 24 luglio scorso. L’alzata di mano è stata unanime. Hanno espresso parere favorevole il sindaco Pierangela Compagnoni, la vice Raffaella Anelli e l’assessore Roberto Pisani.

La richiesta per l’intitolazione della “Strada dei vini” era stata presentata il 21 febbraio 2015 dall’Azienda Vinicola Losito e Guarini Srl. La strada in questione è quella che collega lo stabilimento produttivo all’ex supermercato Ekom di Redavalle.

QUESITI E GUARINI
Cosa ne pensa il Comitato nazionale delle Strade dei Vini e dei Sapori? E la Strada dei Vini e dei Sapori dell’Oltrepò pavese? E’ possibile che un Comune autorizzi un privato all’utilizzo di un “toponimo” che richiama i percorsi normati dalla Legge 268, utili a valorizzare a livello turistico i territori a vocazione vinicola?

Domande per le quali attendiamo una risposta dagli organismi competenti. Anche se, a prima vista, questa vicenda sembra l’ennesimo harakiri di un’Oltrepò pavese che si conferma peggior nemico di se stesso. Stay tuned.

Dello stesso autore

Altri articoli dalla stessa categoria

Leave a Comment