Movimento Turismo del Vino Lombardia: guerra aperta all’Oltrepò pavese

PAVIA – E’ ormai guerra aperta tra il Movimento del Turismo del Vino Lombardia e alcuni produttori dell’Oltrepò pavese non aderenti all’associazione. In un post su Facebook, Lucilla Ortani, responsabile della Segreteria organizzativa dell’Mtv lombardo, se la prende con le aziende vitivinicole pavesi promotrici di diversi eventi “indipendenti”, in concomitanza con quelli del Movimento. Definendoli “brutte copie”.

Tra questi, “Cantina aperta per la primavera”, “La Vendemmia dei bambini” (tra l’altro organizzata in tutta Italia, da Trento a Canicattì), la “Merenda con il Vignaiolo”, “Calici di bolle” e “San Lorenzo tra i filari”.

#soloinOltrepoPavese ‘L’unione NON DEVE fare la forza’. Chissà perché queste cose in #Franciacorta o in #Lugana o nei #ColliMoreniciMantovani, per esempio, non succedono. P.S. 0 like please, tutti sotto la sabbia, che è il tempo giusto, ma anche 0 commenti ‘difensor ridicoli oltrepadani'”.

Parole forti, che lasciano trasparire tutta la frustrazione di un Movimento chiaramente afflitto da manie di grandezza enoturistica. Buoni e cattivi, insomma. Una giustizia sommaria che divide chi aderisce al Movimento pagando il proprio obolo (i buoni) e chi, invece, intende promuovere il territorio a prescindere dall’Mtv (i cattivi).

Un delirio monopolistico già denunciato nei mesi scorsi da questa testata. A cui dà corda, ancora una volta, il presidente del Movimento del Turismo Lombardia, Carlo Pietrasanta. Che condivide su Facebook il post della propria segretaria e rincara così la dose: “Analisi Giusta. Come sempre guardo anche dalla mia parte della barricata o Barricaia (per restare in tema)”.

“Chi copia storpia o succhia le ruote ci sarà sempre – continua Pietrasanta – noi del Movimento forse dobbiamo aggiornare il nostro metodo di comunicazione,nei confronti dei nostri soci e dei potenziali soci, che per me sono amici colleghi Vignaiuoli a volte poco attenti”.

Dello stesso autore

Altri articoli dalla stessa categoria

Leave a Comment