Associazione Locali storici d’Italia: riaprono i locali “come fari nella nebbia”

Riaprono in questi giorni alcuni luoghi simbolo dell’ospitalità, aggiungendosi alla ripresa delle attività post lockdown della grande maggioranza dei 220 locali appartenenti all’Associazione Locali storici d’Italia. “Si tratta più di un segnale di speranza che di convenienza, visto che questi avamposti dell’ospitalità italiana – ognuno con una storia che sfiora mediamente i 2 secoli di vita – si sentono come dei fari nella nebbia, lasciati soli dal Governo e dai ministeri competenti”, ha commentato Enrico Magenes, presidente dell’associazione. I Locali storici chiedono una legge con strumenti di protezione dedicati a…

Vai all'articolo

Cervim, via al Mondial des Vins Extrêmes 2020: 785 vini in degustazione ad Aosta

Via ai tappi dei 785 vini in concorso del Mondial des Vins Extrêmes, l’unico concorso internazionale dedicato alla viticoltura eroica. Ha preso il via oggi la 28esima edizione del Mondial, organizzato da Cervim, ed in svolgimento fino a sabato 29 agosto in Valle d’Aosta. Le 6 commissioni, composte da 30 degustatori (40% italiani e 60% esteri), stanno valutando 425 vini provenienti da tutta Italia e 360 provenienti da 18 paesi di tutto il mondo, con le novità assolute rappresentate dalla Cina e Stati Uniti, oltre alle etichette da Andorra, Argentina, Capo…

Vai all'articolo

Ottime prospettive per la vendemmia 2020 in Alsazia

La vendemmia in Alsazia, iniziata da qualche giorno, si annuncia di buona qualità. Le temperature eccezionalmente miti dell’inverno 2020 e le previsioni clementi in uscita dal periodo invernale, hanno permesso una fioritura precoce, osservata intorno al 10 aprile per il Riesling sul sito di riferimento di Bergheim. Dopo l’ottima annata 2019, il 2020 giunge sotto i migliori auspici per i vini alsaziani, con un bel potenziale di raccolta stimato a 1,1 milioni di ettolitri. Il peso dei grappoli della vendemmia 2020 è nella media degli ultimi anni. Il vigneto alsaziano…

Vai all'articolo

“Fuck you Co2”: BrewDog è il primo birrificio Carbon Negative al mondo

Make Earth Great Again, Fuck you Co2. Non lascia dubbi lo slogan che BrewDog ha scelto per il suo Sustainibility Report. Con un piano di investimenti da 30 milioni di sterline e la piantumazione di una foresta di 2 mila acri è il primo birrificio Carbon Negative al mondo, ovvero con un saldo negativo di emissioni di anidride carbonica. Il carbonio è nostro, il problema è nostro, quindi spetta a noi risolverlo – ha dichiarato James Watt, co-fondatore di BrewDog – in questo momento è necessario un cambiamento radicale. Riconosciamo di…

Vai all'articolo